è stato aggiunto con successo al carrello.

Avete voglia di sperimentare in cucina, ma vi manca sempre il coraggio. È il momento giusto per buttarvi verso nuovi sapori e lasciarvi andare a nuove esperienze. Solo così potrete creare menù da veri chef stellati.

Certo fuoriclasse, non ci si improvvisa. Ma l’entusiasmo ai fornelli conta quanto la bravura e mettersi alla prova con preparazioni di un livello leggermente superiore all’uovo strapazzato, è sicuramente bello e anche divertente. Proprio per questo, oggi proviamo a fare un passo avanti con una ricetta degna di Carlo Cracco: il branzino al karkadè con raita di barbabietola. Siete pronti? Niente paura, seguendo i nostri suggerimenti step by step, lascerete a bocca aperta qualsiasi ospite!

Branzino al karkadè, a prova di cuoco

Chi ha viaggiato in nord Africa lo sa. Il karkadè, o tè rosa dell’Abissinia è un particolare infuso dal color rubino, ricavato dai fiori dell’ibisco (Hibiscus Sabdariffa) diffusa soprattutto nei paesi caldi come l’Egitto. È infatti molto dissetante: chi deve affrontare il deserto, ne tiene in bocca un fiore secco proprio per la sua straordinaria proprietà di ridurre la sete. Arrivato anche da noi, oltre a essere consumato come infuso, è utilizzato in tantissime ricette per dare un tocco acidulo ai propri piatti. Una curiosità in più per conoscere meglio quello che prepariamo, ma basta con le chiacchiere, è ora della spesa!

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 branzini medi (500 g l’uno) o 1 grande
  • 1 bustina di karkadè BIO Everton
  • 1 cucchiaino di pepe Sichuan
  • ½ cucchiaino di sale grosso

Ingredienti per la raita di barbabietola

  • 200 g di barbabietola cotta al vapore
  • 125 g di yogurt bianco
  • q.b. olio
  • q.b. sale

Avete tutto il necessario? Pronti, partenza, via!

Preparazione

  1. Preparate l’infuso di karkadè con una tazza d’acqua fredda, lasciandola per una notte in frigorifero. Se l’avete scordato, non importa, usate l’acqua calda per accelerare il processo di infusione e togliete la bustina dopo 2-3 minuti.
  1. Qui viene la parte difficile. L’avrete visto in molti programmi tv di cucina, tra le prove più temute c’è sempre quella di sfilettare il pesce. Ora tocca a voi! Armatevi di pazienza, precisione e anche di una pinzetta specifica, vi tornerà utile per togliere anche le spine più piccole.
  1. ATTENZIONE: livello di difficoltà molto alto. Dopo aver pulito il branzino, tagliatelo a fettine più sottili che potete, circa 3 mm, con la lama del coltello tenuta a 90°, perpendicolarmente alla spina centrale.
  1. Tranquilli, potete iniziare a rilassarvi, il peggio è passato ma non è ancora finita. Tostate a fiamma dolce il pepe Sichuan con il sale grosso. Quando sentite il profumo e le bacche cominciano a scurire, trasferite tutto nel mortaio per ottenere il sale al Sichuan.
  1. Prendete un contenitore ermetico, adagiate i vostri filetti e copriteli con 2/3 dell’infuso di karkadè, condite con il sale al Sichuan appena preparato e olio a piacere. Coprite e lasciate a marinare in frigorifero per almeno 30 minuti.
  1. Intanto che attendete la marinatura perfetta, preparate la raita e quindi tagliate la barbabietola a dadini, metteteli in una ciotola e unitevi lo yogurt bianco, il sale e l’olio e mescolate il tutto. Siete arrivati fino a qui? Bravissimi, manca solo la presentazione del vostro piatto.
  1. Disponete le vostre fettine di branzino su piatti piani nel modo più elegante possibile e irrorate con 1/3 dell’infuso di karkadè rimasto e un altro filo d’olio. Infine, decorate con un cucchiaino di raita ogni filetto di pesce e terminate con una spolverata di sale di pepe Sichuan. Guarnite con qualche bacca di pepe e fiocchi di sale per offrire al piatto un tocco di croccantezza.

 

Se siete arrivati in fondo a questa ricetta, siete davvero a un passo dagli chef stellati!
Cosa vi avevamo detto? Bastava solo un po’ di coraggio J

Commenta

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione e per inviarti messaggi pubblicitari personalizzati. Per informazioni dettagliate sulla tipologia ed impiego dei cookie in questo sito web ed eventualmente negare il consenso alla loro installazione, ti invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi